Gps 2022, chi può inserirsi ancora con riserva?

da | Lug 7, 2022 | IN CATTEDRA


Lo scorso 6 maggio si sono aperte le procedure di iscrizione alle Gps, riservate ai nuovi aspiranti docenti. I pochi giorni di distanza dalla chiusura (fissata per il 31), e il poco preavviso, non hanno certamente aiutato i candidati in procinto di conseguire i titoli di inserimento o di aggiornamento del punteggio. La data è stata anticipata rispetto agli anni precedenti per evitare intoppi burocratici nell’assegnazione degli incarichi, che venivano effettuati senza un’osservazione corretta delle liste; questo si traduceva in un lavoro abnorme per le segreterie degli uffici scolastici, a rischio di tramutarsi in errori nello scorrimento delle graduatorie, proprio a causa della vasta mole di pratiche da smaltire.
Nel decreto c’era una voce che faceva riferimento ad un «inserimento con riserva», ma chi poteva usufruire di questo «ritardo nella domanda»?

RISERVA – Il Miur, tenendo conto del poco lasso di tempo tra l’apertura e la chiusura delle procedure, ha dato la possibilità a chi stava terminando i percorsi abilitanti (come il concorso straordinario in atto) di terminare l’iter per poi inserirsi in prima fascia. Due i casi:

– il titolo conseguito all’estero, purché prima del 31 maggio e con domanda di riconoscimento entro la stessa data. Così facendo, la riserva potrà essere sciolta (senza una data ultima) quando arriverà il riconoscimento formale da parte del Ministero.

-l’abilitazione/specializzazione sostegno ancora da conseguire: in questo caso si potrà sciogliere la riserva se correttamente inseriti nella graduatoria di merito, compreso l’eventuale elenco degli idonei, entro il prossimo 20 luglio.


24 CFU – Tanti gli aspiranti a chiedersi se fosse possibile presentare la domanda per il conseguimento dei 24 cfu oltre il 31 maggio ed entro il 20 luglio. Questo non sarà possibile: infatti, chi ha già ottenuto il titolo entro il 31 maggio ha potuto procedere con la normale iscrizione in GPS, mentre chi non è riuscito entro quella data, non potrà immettersi prima della nuova riapertura, prevista per il 2024. Non sarà comunque stato uno sforzo vano, dato che i 24 cfu serviranno per i concorsi relativi «alla fase transitoria», ovvero quella che separa dall’ingresso definitivo dei 60 cfu, previsto per il 1° gennaio 2025. Allo stesso modo, chi avrà ottenuto i 24 cfu prima del 31 ottobre 2022 (data ultima stabilita dal Miur), non sarà chiamato al totale conseguimento dei 60 cfu, ma solo all’integrazione dei restanti 36.

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...