Reclutamento docenti: giorni cruciali per la riforma

da | Giu 14, 2022 | IN CATTEDRA



I prossimi giorni saranno decisivi per il decreto n.36, al cui interno è presente la riforma sul reclutamento docenti.


ULTIME – In virtù delle elezioni amministrative, i partiti politici sono rimasti fermi e soltanto nelle prossime ore torneranno a valutare il provvedimento: allo stato attuale il decreto è al vaglio delle Commissioni Affari Istituzionali e Istruzione del Senato. Spetterà quindi ai senatori una qualsiasi decisione su eventuali modifiche, mentre il testo definitivo dovrebbe essere divulgato il 20 giugno a Palazzo Madama. L’idea iniziale di Bianchi non convince, pertanto il Governo si è messo subito all’opera per cercare un accordo. Un cambiamento radicale del provvedimento è impensabile, mentre l’ipotesi più verosimile sarebbero alcune modifiche, tese a un «ammorbidimento» di Sindacati e mass media.

Il Governo è al lavoro per trovare 470 milioni per salvare la carta del docente, che nei piani ministeriali (a partire dal 2027) dovrebbe subire una decurtazione di 125 euro, passando dagli attuali 500 a 375 euro. Ma c’è anche il problema dei tagli a causa della denatalità, che dovrebbero portare a una riduzione di 11.600 posti di lavoro.

PARTITI – Le idee cambiano da partito a partito: secondo l’opinione del Partito Democratico, il percorso abilitante non può avere inizio dalla laurea triennale, come attualmente previsto dalla riforma, ma dovrebbe partire dalla magistrale. Diametralmente opposta la visione di Forza Italia, per la quale ritardare il tutto porterebbe molti studenti fuori corso.

Un’ipotesi potrebbe essere l’assunzione semplificata per i precari con almeno 3 anni di servizio: nell’eventualità in cui il docente abbia almeno un anno nella classe di concorso specifica per cui è candidato, i cfu potrebbero non essere richiesti. Da valutare anche la questione della formazione incentivata, con il P.D. che ha proposto un anticipo degli scatti di anzianità. Rovente anche il dibattito sull’eliminazione dei test a crocette nelle prove concorsuali, che dovrebbe avvenire dal 2025 in avanti (al termine della fase transitoria).


I docenti attendono novità che, nel caso specifico, dovrebbero arrivare in tempi molto brevi.

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...