Covid, lezioni in presenza per alunni con disabilità e Bes

da | Gen 24, 2022 | SUI BANCHI DI SCUOLA




Nelle ultime settimane è tornata attuale la didattica a distanza, a causa della situazione epidemiologica notevolmente peggiorata, nonostante come abbia spesso ribadito Bianchi l’obiettivo sia quello di tornare quanto prima in presenza in tutte le scuole.

BES E DSA – Ovviamente le lezioni in classe sono recepite in modo diverso dagli alunni: il problema si pone soprattutto per ragazzi con disabilità e bisogni educativi speciali. Il Ministero ha divulgato in merito una nota dove vengono specificate le condizioni per queste categorie. Attenendoci alle FAQ pubblicate sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri, possiamo notare una voce con le indicazioni relative alle lezioni in presenza per gli alunni con disabilità delle classi in didattica a distanza o in didattica digitale integrata.

Da Viale Trastevere precisano che l’esigenza primaria è quella di salvaguardare una relazione educativa che garantisca l’effettiva inclusione scolastica; in merito si specifica che, laddove ne sia stata disposta l’interruzione, andrà comunque garantito, ogni qualvolta sia possibile, lo svolgimento dell’attività didattica in presenza per alunni con Bes o disabilità, cui dovrà essere anche assicurato il collegamento telematico con gli alunni della loro stessa classe, costretti a seguire la medesima lezione da casa, così da garantire la perfetta inclusione.


CONDIZIONI – Con l’obiettivo di garantire il normale svolgimento delle lezioni in presenza, e in condizioni di massima sicurezza, anche tenendo conto della specifica condizione di fragilità di ciascuno, il Ministero specifica che: 

– la frequenza in presenza può avvenire previo ottenimento del consenso dei genitori degli alunni di cui sopra;

– resta fermo, in ogni caso, il divieto di accedere o permanere nei locali scolastici ai soggetti affetti da SARS-CoV-2, o comunque a coloro che manifestino sintomatologia respiratoria o la cui temperatura corporea risulti superiore a 37,5°;

– per il personale scolastico e gli alunni, laddove non vi sia una specifica esenzione, è obbligatorio l’uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e l’adozione di misure igieniche quali, a titolo esemplificativo, l’uso di gel per le mani e la frequente areazione dei locali;

– lo svolgimento della didattica in presenza deve avvenire in condizioni tali da assicurare un adeguato distanziamento interpersonale;

– è consentita la consumazione dei pasti a scuola, a condizione che possa essere mantenuta una distanza interpersonale di almeno due metri.

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...