L’esame ibrido – Torna una prova scritta?

da | Gen 5, 2022 | IN PRIMO PIANO

Il mese di gennaio è per gli studenti dell’ultimo anno delle superiori un momento di fondamentale importanza: con la testa ancora ai festeggiamenti, i maturandi sanno che è il primo mese dell’anno a delineare le linee guida del loro Esame di Stato. Questo sarà il terzo anno consecutivo che la maturità sarà pensata in un contesto epidemiologico, ma ci potrebbero essere dei cambiamenti all’orizzonte. Cerchiamo di capire meglio come dovrebbe essere strutturato l’Esame di Stato 2022.

ESAMI ALL’EPOCA DEL COVID – I maturandi degli ultimi due anni hanno sperimentato una modalità inedita delle prove di esame, estremamente vincolata alla contingenza pandemica. Privato di una commissione esterna e, soprattutto, delle prove scritte, l’esame constava di una prova orale che prendeva l’avvio da un elaborato multidisciplinare: il tema veniva scelto dalla commissione e comunicato entro la fine di aprile mentre l’elaborato andava consegnato entro la fine di maggio. Gli orali, ispirati dall’elaborato, hanno coinvolto anche domande di Cittadinanza e Costituzione e l’esposizione del percorso di PCTO, concludendosi con la domanda di rito (rivolta dal presidente di commissione, unico membro esterno): “cosa farai dopo la scuola superiore?”

PROVA SCRITTA – Il 2021-2022 è stato il primo anno didattico, nell’era Covid, a vedere gli studenti tra i banchi di scuola senza interruzioni (salvo casi particolari). Al netto dei dati della variante Omicron, nonostante i proclami del Presidente del Consiglio Draghi e del Ministro dell’Istruzione Bianchi che scongiurano il ritorno alla DAD, si è acceso un forte dibattito in merito all’opportunità di ristabilire le prove scritte. Non sono ancora uscite le ordinanze ufficiali, ma l’indirizzo ministeriale sembrerebbe già abbastanza chiaro; confermata l’impostazione dell’anno precedente ma con un primo ritorno alla normalità: parrebbe, infatti, che i maturandi dovranno cimentarsi in una prova scritta di italiano, uguale per tutti gli indirizzi.

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...