Covid, obbligo vaccinale per i docenti e green pass rivisto? Gli ultimi aggiornamenti

da | Nov 22, 2021 | IN PRIMO PIANO

 

I contagi aumentano giorno dopo giorno e il governo si è subito messo al lavoro per arginarne la frequenza: il green pass – stando alle ultime indiscrezioni -potrebbe subire delle modifiche, mentre non sembra concretizzarsi l’ipotesi dei giorni scorsi di un lockdown per i non vaccinati, misura tra l’altro già adottata in
altri stati. Le soluzioni al vaglio sembrerebbero l’inserimento di un obbligo vaccinale mirato e l’anticipo della terza dose.

DOCENTI – Il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, Franco Locatelli, ha proposto l’obbligo del vaccino per le categorie più esposte al contatto col pubblico; tra questi rientrano anche i dipendenti della scuola (personale docente e Ata), nonostante tra di loro siano rimasti in pochi a non aver usufruito almeno
di una dose. Non sembrano invece sussistere gli estremi per un obbligo generale; i paletti sarebbero troppi e la misura più radicale che percorribile. Qualora venisse accolta la proposta di Locatelli, potrebbe essere rivista la validità del green pass (con l’obbligo di rinnovo a 5 mesi dall’ultima dose): ancora però, a meno di
stravolgimenti improvvisi, l’unica ipotesi tangibile sono i termini di validità del tampone, che potrebbero subire un ritocco nel breve periodo.

BAMBINI – Quella italiana resta comunque una situazione ancora non drammatica, soprattutto se confrontata con quella di altri stati europei. Per questo, secondo Locatelli, i 10 mila contagi circa al giorno richiedono un’attenta valutazione, ma senza fomentare allarmismi. Torna sempre più attuale, in ambito scolastico, la vaccinazione per i bambini dai 5 agli 11 anni, attualmente scoperti da qualsiasi immunizzazione: i vaccini per questa fascia di età saranno disponibili solo dopo l’approvazione di Ema ed
Aifa. Sottoporre infatti i più piccoli all’attività vaccinale è molto importante, poiché solo in questo modo verrebbe assicurata loro una continuità didattica in presenza e un normale svolgimento delle pratiche sociali. Nelle ultime settimane è stato registrato un notevole aumento dei contagi in età pediatrica, quella in cui non è mai stata somministrata alcuna vaccinazione: non può essere un caso, come non lo sono le diverse classi in quarantena presenti in tutta la nazione. Locatelli ha garantito l’affidabilità dei vaccini destinati ai bambini (a mRna), definiti assolutamente rassicuranti. Comunque, nessuna ipotesi è stata esclusa in modo categorico e in un margine temporale ragionevole avremo notizie più precise.

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...