Scuola, come cambia la quarantena in classe: gli ultimi aggiornamenti

da | Ott 18, 2021 | SUI BANCHI DI SCUOLA

Regioni, Governo e Istituto Superiore di Sanità: questi sono i tre enti da cui passa l’approvazione della
nuova quarantena a scuola. Gli ultimi dettagli sul testo che verrà a breve pubblicato in Gazzetta Ufficiale,
sono stati diramati dal quotidiano «La Repubblica».

CAMBIAMENTO – Meno rigidità rispetto al passato e le regole sulla quarantena riviste: questo l’iter –
ancora ufficioso – che bisognerà seguire nell’ambito scolastico:
Con un solo positivo e tutti negativi non scatterà la quarantena di gruppo. Al contrario invece, si andrà in
isolamento con tre o più casi. I tamponi valevoli ai fini del Green Pass dovranno essere molecolari o
antigenici e per stabilire il tutto sono stati concordati due tempi di verifica: «Il tempo zero», in cui l’esame
andrà eseguito solo dopo essere stati informati dal dirigente scolastico del positivo in classe, e «Il tempo 5» (o secondo periodo) in cui sarà utilizzato un nuovo tampone, proprio dopo cinque giorni.

UN CASO – Nell’eventualità in cui il positivo fosse soltanto uno, tutti gli alunni e i docenti della classe
dovranno sottoporsi il prima possibile al «tampone 0». Qualora il risultato dovesse essere per tutti
negativo, ci sarà l’immediato reintegro a scuola (a distanza di 5 giorni seguirà l’altro test di verifica). Gli
insegnanti entrati in contatto col soggetto positivo, se vaccinati, saranno sottoposti agli stessi test, qualora non fossero invece muniti di Green Pass andrebbero in quarantena anche col primo test negativo. Per loro sarà previsto un tampone al decimo giorno per il ritorno a scuola; stesso iter per gli operatori scolastici coinvolti in una attività insieme al positivo, di contro invece, chi è stato in classe col positivo, esibendo un tampone negativo potrà rientrare immediatamente.

DUE CASI – In presenza di due casi, per gli alunni vaccinati o negativizzati negli ultimi sei mesi, bisognerà
proseguire con lo screening da 0 a 5 giorni. Quelli senza vaccino, invece, dovranno andare in quarantena
per dieci giorni e, anche con un test negativo, potranno rientrare solo al secondo tampone con lo stesso
esito. Identico modus operandi per i docenti.

TRE CASI: in quest’ultimo caso, tutta la classe compresa di alunni e docenti (che hanno svolto attività in
presenza con i positivi) andrà in isolamento anche dopo il primo tampone. La quarantena avrà una durata
di 7 giorni per i vaccinati e di 10 per i non vaccinati.

INFANZIA – Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, i bambini dello stesso asilo nido o sezione del
positivo, saranno sottoposti subito a tampone e, se negativi, considerando il loro status di non vaccinati,
andranno in quarantena per 10 giorni; al decimo giorno, dovranno sostenere un test per la riammissione.
Vanno in isolamento anche gli educatori, gli insegnanti, o altri operatori scolastici che hanno svolto con il
positivo attività in presenza in classe (anche qui la quarantena prevista sarà di 10 giorni per i non vaccinati e di 7 per i vaccinati). Qualora venisse accertato più di un caso tra docenti, educatori e operatori, i bambini sotto la tutela del positivo andranno direttamente in quarantena. Gli operatori che avranno svolto un’attività in compresenza con l’insegnante positivo, nel caso in cui fossero vaccinati o si fossero negativizzati negli ultimi sei mesi (con primo test negativo), avranno la possibilità di restare al lavoro e di svolgere il primo controllo dopo cinque giorni. I non vaccinati andranno direttamente in quarantena, mentre nell’eventualità di un secondo caso fra i docenti, si andrà comunque tutti in isolamento.

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...