Gli esami non finiscono mai – Esami di stato del 2021

da | Apr 27, 2021 | SUI BANCHI DI SCUOLA

Tutti gli studenti che auspicavano un rinvio degli Esami per la situazione particolare legata al COVID saranno rimasti delusi: l’OM 53/2021 ha infatti decretato che anche quest’anno gli Esami si svolgeranno, sebbene con una commissione quasi del tutto interna (fatta eccezione per il Presidente) e solo in forma orale. Questo non significa però che la formula sia del tutto invariata rispetto all’esame passato. Vediamo, di seguito, come sarà strutturata la temuta prova di esame.

 

PARTI DELL’ESAME – La prova orale consterà di quattro parti:

  1. Presentazione di un elaborato sulle materie caratterizzanti: gli argomenti saranno assegnati dai Consigli di classe ad ogni singolo alunno entro il 30/4 e gli studenti dovranno concludere il lavoro e consegnarlo entro il 31/5. Rispetto all’anno scorso, dove di fatto l’elaborato sostituiva integralmente la seconda prova, quest’anno si punta anche a una prospettiva multidisciplinare, allargando lo spettro delle materie coinvolte. Attenzione però: lo scritto non sarà simile a una tesina ma dovrà mostrare un taglio ben preciso coinvolgendo solo le materie strettamente necessarie. Ulteriori novità saranno la presenza di docenti di riferimento, scelti tra i membri della Commissione d’Esame (che assisteranno i maturandi nelle fasi di preparazione del testo), e l’introduzione del Curriculum dello studente, da tenere in considerazione in un’ottica di valorizzazione delle istanze e delle peculiarità dei singoli candidati.
  2. Discussione di testi letterari oggetto di studio che saranno opportunamente inseriti in una sezione dedicata del documento del 15 maggio, vero e proprio vademecum per i maturandi.
  3. Analisi del materiale scelto dalla commissione: foto, poesie, quadri, citazioni. Tale materiale servirà come punto di partenza di un percorso multidisciplinare che dovrà dimostrare la competenza trasversale dei candidati
  4. Presentazione del PCTO (Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento), anche attraverso l’ausilio di materiali multimediali.

 

EDUCAZIONE CIVICA – L’educazione civica, che fino allo scorso anno aveva una parte a sé stante nel percorso d’esame, quest’anno sarà inserita all’interno di uno dei 4 momenti previsti, essendo diventata materia curricolare a tutti gli effetti, trasversale ad almeno 4 delle materie del percorso di studi.

 

Giuseppe Marino

 

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...