Covid, bisogna tenere le finestre aperte in classe?

da | Gen 12, 2021 | SUI BANCHI DI SCUOLA

Da oramai troppo tempo la scuola e i comportamenti da adottare in classe sono cambiati a causa del Covid 19. In questi giorni in cui si parla di un rientro anche per le secondarie di secondo grado, è diventato ancor più attuale il tema sull’apertura o meno delle finestre in classe, così da consentire una maggiore areazione nelle aule.

DETTAGLI – La Fondazione Veronesi a riguardo segnala come le linee guida sulla qualità dell’aria negli ambienti scolastici, approvate dalla Commissione Europea, prevedano che la ventilazione possa essere completamente funzionale solamente durante le pause, la cui durata va pianificata in accordo con le esigenze di ventilazione(quindi in base al numero di occupanti). Un compromesso, per permettere una buona areazione, potrebbe essere quello di areare le aule prima che inizino le lezioni e poi nuovamente ad ogni interruzione, indipendentemente dalla stagione. A tal proposito, il Comitato Tecnico Scientifico, specifica che non è necessario tenere aperte le finestre per tutta la durata delle lezioni. Le indicazioni del Cts, riportate nel verbale n.100 del Comitato Tecnico Scientifico del 12 agosto 2020, si limitano a sottolineare la necessaria areazione dei locali in cui vengono svolte le lezioni, con l’obiettivo di garantire cambi di aria frequenti. Questa esigenza di areazione nelle aule non deve però andare in contrasto con il diritto degli studenti a svolgere le attività didattiche in condizioni confortevoli.

IMPIANTI NELLE AULE – Sul tema, il deputato della Lega, Rossano Sasso, ha presentato un ordine del giorno alla Camera, sottoponendo al governo l’opportunità di fornire nel minor tempo possibile, a tutti gli istituti scolastici, gli impianti di ventilazione meccanica controllata. L’onorevole leghista nel suo documento, ci ha tenuto a precisare che il costo per climatizzatori o altri accessori di riscaldamento nelle scuole, non sarebbe superiore ai banchi a rotelle, acquistati già nei mesi scorsi. Dal punto di vista economico-finanziario, dunque, sarebbe una spesa sostenibile, inoltre, sarebbero beni che risulterebbero utili anche per climatizzare gli ambienti nell’ipotesi di terminare l’anno scolastico alla fine di giugno.
Tenendo in considerazione tutti gli elementi elencati, Sasso ha proposto come ordine del giorno questo tema e qualora il suo piano trovasse approvazione, questi impianti di ventilazione risulterebbero utili anche nel lungo periodo. Infatti questi accessori, contribuirebbero a rendere meno obsolete le attuali strutture scolastiche italiane, che da ormai troppi anni necessitano di un ammodernamento.

Luca Palmieri

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...