Covid, i docenti devono usare i guanti per toccare il materiale didattico?

da | Gen 7, 2021 | SUI BANCHI DI SCUOLA

Tante sono le domande che ronzano nella testa di studenti e docenti all’epoca del Covid 19. Tra le più frequenti, c’è quella sull’utilizzo dei materiali per la didattica; più persone possono toccare lo stesso quaderno, la stessa penna, la stessa gomma, oppure è necessario disinfettarlo ad ogni passaggio di mano? E per arginare questo problema sarebbe meglio usare i guanti in classe?

NIENTE GUANTI – Le risposte a queste domande arrivano direttamente dal Ministero della Pubblica Istruzione, che attraverso le FAQ, presenti nella sezione «Rientriamo a scuola», specifica che il Comitato Tecnico Scientifico non ha mai imposto l’utilizzo dello spray (o gel) idroalcolico per l’utilizzo del materiale cartaceo o didattico, che quindi, può essere maneggiato tranquillamente, anche senza l’uso di guanti. Il Cts ha specificato inoltre che è sufficiente apportare alla scuola, le linee guida generali adottate per il contenimento del contagio da SARS-CoV-2. La cosa più importante resta l’igienizzazione delle mani, a scuola come in altri luoghi.

CHIARIMENTI – Questo tema, quanto mai attuale in questi giorni, era stato espresso nelle scorse settimane dai molti esperti in materia. Tra questi c’era l’immunologa Antonella Viola, che attraverso il proprio profilo Facebook, ha espresso il suo pensiero: «È ovvio che non possiamo pensare di avere il cestino dei pennarelli comuni, ma ciò non significa che una maestra non possa correggere un compito o che non si possano usare i fogli di carta o ancora non si possa passare una matita. Basta igienizzarsi le mani e si può tranquillamente fare». Questo virgolettato chiarisce ulteriormente, in maniera univoca, ciò che si può fare e ciò che non si può fare, secondo le restrizioni imposte dalla pandemia. Non bisogna essere esagerati né in un senso né nell’altro, limitandosi a conservare le vecchie metodologie di lavoro nei limiti del possibile e comportandosi sempre in maniera prudente, tenendo a mente il periodo storico in cui ci troviamo.

Redazione

Articoli Recenti

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...