Vaccino anti Covid, l’Unicef propone di privilegiare gli insegnanti

da | Dic 21, 2020 | SUI BANCHI DI SCUOLA

In Italia ad inizio gennaio dovrebbero iniziare le prime somministrazioni per il vaccino anti Covid. L’Unicef attraverso una nota, ha proposto di inserire tra le categorie prioritarie, quella degli insegnanti: «La pandemia COVID-19 ha devastato l’istruzione dei bambini in tutto il mondo. Vaccinare gli insegnanti è un passo fondamentale per tornare in carreggiata».

PROPOSTA – L’Unicef, ha invitato tutti i Paesi colpiti dalla pandemia, a tener conto delle tante difficoltà incontrate dalla scuola negli ultimi mesi; di conseguenza ha richiesto una maggiore tutela verso gli insegnanti, a cui vorrebbero vedere destinate le prime dosi di vaccino.
«I governi devono dare la priorità agli insegnanti nel ricevere il vaccino contro il Covid-19, una volta aver vaccinato il personale sanitario in prima linea e le popolazioni ad alto rischio. Questo contribuirà a proteggere gli insegnanti dal virus, consentirà loro di insegnare in presenza e, in definitiva, permetterà di mantenere aperte le scuole» – con questo comunicato apparso sul proprio profilo ufficiale Twitter, l’Unicef ha lanciato la proposta. Con questa idea, l’associazione benefica, vuole salvaguardare la sicurezza del personale docente, da cui passa l’apertura delle scuole. A causa della chiusura di quest’ultime infatti, è stato interrotto l’apprendimento di quasi il 90% degli studenti del mondo.

CATEGORIE E SVILUPPI – Difficile ad oggi ipotizzare che tutti i governi si allineino a questa richiesta. In Italia al momento, le categorie a cui spetta in maniera prioritaria il vaccino, sono personale medico e sanitario e Rsa. Successivamente sarà riservato agli ultra 80enni, poi la fascia compresa tra 60 e 70 anni. Dopo di loro vengono le classi lavorative intese come essenziali e tra queste figura anche la scuola. La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, sposa l’idea dell’Unicef e mette anche lei i docenti in prima fila: «Tutti coloro che lavorano a contatto con il pubblico devono essere messi in sicurezza per sé stessi e per le persone che incontrano. Per questo gli insegnanti dovrebbero rientrare nelle categorie con priorità, subito, a gennaio con i medici e i milioni di anziani». Con queste parole Zampa si fa portavoce del governo, aprendo a questa possibilità. Al momento però, non ci è dato sapere se alle parole seguiranno i fatti. Le linee guida del governo non sono ancora state aggiornate e l’augurio è che tra qualche settimana ci sia più chiarezza in merito a questo argomento.

Redazione

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...