QUALE TAMPONE PER LE SCUOLE?

da | Ott 8, 2020 | SUI BANCHI DI SCUOLA

Test salivari antigienici nelle scuole? Negli ultimi giorni si è parlato molto di questa nuova introduzione. Su questa idea del Ministero della Salute, non è d’accordo però l’istituto di malattie infettive Spallanzani di Roma, che ha subito chiarito la propria posizione.
TEST IN LABORATORIO: LE DICHIARAZIONI DELLO SPALLANZANI – Due sono le soluzioni paventate dalla struttura ospedaliera capitolina. La prima ha mostrato livelli di sensibilità pari a quelli dei tamponi antigienici rapidi, però il test deve essere effettuato in una struttura medica. Quindi, a meno che non si attivino unità di laboratorio presso i punti dove viene effettuato il prelievo, non è utilizzabile in contesti di screening rapido (es. aeroporti). Questa ipotesi, infatti, nel settore scolastico non è molto percorribile, dato che tra prelievo del campione, trasporto e accettazione in laboratorio, esecuzione del test e referto, non ci sarebbe un responso immediato dei test effettuati.
LA SECONDA VIA – La seconda ipotesi invece riguarda un test a lettura visiva (c.d. “saponetta”). Così facendo non ci sarebbe bisogno degli strumenti chimici e quindi questa tecnica potrebbe essere usata al di fuori dei laboratori, ottenendo i responsi dei test in pochi minuti. Questo esame sarebbe sempre applicato dalla saliva (pur essendo diverso dal tampone), anche se ai primi esami effettuati sembrerebbe risultare meno attendibile rispetto al consueto test molecolare.
Dunque dallo Spallanzani di Roma sono sicuri: con i test antigienici e molecolari su campioni di saliva, allo stato attuale è molto difficile ottenere uno screening rapido di numerose persone, poiché è necessario avere a disposizione un laboratorio attrezzato. Tutto questo non si sposa con l’esigenza delle scuole, in cui servirebbero test con responsi rapidi, così da sapere in breve tempo chi può prendere parte alle lezioni e chi no. Intanto la regione Lazio sta sperimentando i primi tamponi rapidi antigienici nel liceo scientifico Vian ad Anguillara. Queste le dichiarazioni rilasciate al quotidiano La Repubblica, dall’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato: «Dalla prossima settimana daremo il via ai test salivari in tutte le scuole del Lazio. Cominceremo dagli istituti dove sono stati evidenziati i contagi, poi a rotazione li faremo in tutti. Venerdì lo Spallanzani licenzierà questo tipo di tampone rapido che prevede la risposta in 30 minuti».

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...