“I DSA e la DIDATTICA (DELL)A DISTANZA – Maria Enrica Bianchi, Cristina Fabbri, formatrici AID”

da | Lug 3, 2020 | IN PRIMO PIANO

Nello specifico, per i ragazzi con DSA è stata un’esperienza a luci ed ombre, poiché diversi sono gli aspetti sui quali porre attenzione.

Un aiuto è arrivato dai docenti che hanno saputo leggere e sostenere l’importanza del feedback: non serviva solo alleggerire il carico di compiti a casa, senza banalizzare o semplificare eccessivamente i contenuti del curricolo, ma soprattutto fornire risposte tempestive ed adeguate, di natura formativa.

Come ci ricorda una Dirigente Scolastica, formatrice scuola AID, “quando si assegna un compito, questo deve essere sempre corretto, perché l’alunno deve avere un ritorno per comprendere meglio quali siano le sue difficoltà, quali concetti ha interiorizzato e su quali apprendimenti invece non ha padronanza e quindi deve insistere.”

Un altro tema interessante è quello dell’organizzazione del lavoro. Gli alunni con disturbo specifico di apprendimento facilmente si disorientano, perdono i punti di riferimento e rischiano di non afferrare più il senso logico degli apprendimenti che vengono proposti. Le loro difficoltà di memorizzazione e di assimilazione presenti a scuola si sono acuite nella didattica a distanza, privati della possibilità di supervisione ravvicinata da parte del docente. Inoltre in una relazione a distanza, non sufficientemente gestita dalla scuola, gran parte del lavoro di gestione e organizzazione del materiale di studio è stata demandata alla collaborazione delle famiglie, non tutte in grado di supportare e sostenere efficacemente il figlio.

È necessario fornire ai ragazzi con bisogni educativi speciali gli strumenti corretti per lavorare sul metodo e sull’organizzazione dello studio: bisogna aiutarli ad apprendere come studiare, come sintetizzare i concetti appresi, come strutturare una mappa concettuale, come recuperare le informazioni pregresse e come affrontare i nuovi argomenti. Sicuramente questi dovrebbero essere gli obiettivi fondamentali della didattica in generale e, quindi, anche della modalità a distanza.

I docenti avrebbero dovuto selezionare consapevolmente i contenuti essenziali, promuovendo l’acquisizione di un metodo di studio, proponendo un approccio interdisciplinare che permettesse ulteriori approfondimenti attraverso i contenuti multimediali. Vi era la possibilità di offrire nuovi scenari, non sempre presenti nella didattica ordinaria, che potevano consentire, in questa situazione, forme più incisive di fissazione dei contenuti.

La didattica a distanza ha avuto il valore di permettere la conclusione, anche se con molte criticità, dell’anno scolastico, aiutando alunni e insegnanti a mantenere un rapporto e a riconoscersi in una dimensione sociale.

È stata proprio la didattica a distanza a rilanciare e affermare l’importanza e la bellezza della didattica in presenza.

 

Dott.ssa Maria Enrica Bianchi e Dott.ssa Cristina Fabbri
docenti e formatrici AID

Articoli Recenti

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Scuola: bonus docenti non ancora accreditato

Non è ancora accessibile la piattaforma per utilizzare il bonus docenti 2022/2023, destinato a tutti gli insegnanti di ruolo per ogni ordine e grado: c’è un notevole ritardo, che ha seminato il panico fra gli insegnanti, rispetto agli anni passati. ULTIME – In realtà...

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

24 cfu: si è ancora in tempo per conseguirli

Ultimi giorni a disposizione per i 24 cfu: gli aspiranti docenti che non hanno ancora acquisito il titolo hanno a disposizione qualche altra settimana, prima della scadenza imposta dal Miur per il 31 ottobre 2022.ULTIME – Cambio di normativa per i 24 cfu, valevoli nei...

Italia: il paese meno ambiente

Italia: il paese meno ambiente

Mentre il caro-bollette e i costi energetici (in aumento per le speculazioni e non per il conflitto in corso) monopolizzano il dibattito pubblico, insieme alla crisi economica e al levitare dei prezzi delle materie prime che condizionano trasversalmente tutto il...